Attualità e Cronaca Rosa, Curiosità dal mondo, Decoupage e Fai da Te

Halloween: la storia e le origini

29-10-2011

Halloween: la storia e le origini

Halloween si festeggia ogni anno il 31 ottobre. Quali sono le origini di questa misteriosa festa? Quando iniziò tutto? E come siamo arrivati alle zucche?
Ogni 31 ottobre, quando cala la notte, milioni di persone in tutto il mondo si preparano a festeggiare quella che è conosciuta come la notte di Halloween, una notte buia e misteriosa, dove tutto può succedere! Famosa per la sua particolare stravaganza, la notte di Halloween ospita ogni anno tante figure diverse: streghe, orchi, vampiri e chi più ne ha, più ne metta. Ma come si è arrivati a travestirsi in questa notte particolare? Cosa lega streghe e vampiri alla festa di Ognissanti, che cade esattamente il giorno dopo?


Le origini





Il nome Halloween deriva dal medioevo, quando la vigilia di Ognissanti era conosciuta come “All Hallows’Eve“. Nei secoli, la pronuncia della parola si è modificata, fino a diventare come la conosciamo oggi. Le sue origini sono dunque legate alla festa di Ognissanti, istituita nel 610 da Papa Bonifacio IV: a quanto pare, una storia che trae origine da istituzioni religiose.


A rendere tutto un po’ misterioso è un’altra origine, anch’essa attribuita ad Halloween: il popolo dei celti festeggiava, sempre il 31 ottobre, una specie di capodanno invernale conosciuto con il nome di Samain, le cui celebrazioni erano fortemente legate al mondo dei morti. La tradizione vuole che la Chiesa decise di sovrapporre la propria celebrazione con quella celtica, considerata profana e dunque sconveniente.


Samain era una divinità celtica conosciuta come il Signore della Morte: secondo le leggende celtiche, ogni 31 ottobre Samain chiamava a sé gli spiriti dei morti, permettendo loro di entrare anche in contatto con il mondo dei vivi e comunicare con loro attraverso apparizioni e scherzi paurosi. I celti, per commemorare questo evento, si coprivano con maschere paurose, spaventando gli abitanti dei villaggi e intagliando cipolle al cui interno veniva posto un fuoco sacro.


La Chiesa, non potendo permette cerimonie del genere, cercò di unire il capodanno di Samain con la festa di Ognissanti, sperando in una celebrazione sacra della notte del 31 ottobre. Vedendo i festeggiamenti odierni, si potrebbe dire che non c’è mai riuscita.


L’evoluzione della festa ai giorni nostri





Ad oggi, la festa di Halloween è conosciuta e celebrata in quasi tutto il mondo. La sua presenza è molto forte in America, dove fu “portata” dagli irlandesi che emigrarono a metà ottocento. Da oltreoceano, la sua diffusione si è rafforzata anche in tutta Europa, in particolare negli ultimi anni. Oggi decine di bambini bussano alle porte chiedendo “dolcetto o scherzetto“, esattamente come facevano i celti migliaia di anni fa, quando lasciavano davanti alle porte avanzi di cibo per le anime dei defunti, evitando di subire scherzi di ogni tipo da quest’ultimi.


Ma cosa c’entrano le zucche?
Il loro uso è dovuto sempre agli irlandesi: una volta arrivati in America, decisero che le zucche erano molto più comode delle piccole cipolle, per contenere il sacro fuoco. Fu così che nacque la lanterna di Halloween, creata con una zucca intagliata, al cui interno viene posto un lumino acceso.


Mentre un tempo le zucche erano semplici lanterne, oggi sono uno spettacolo irrinunciabile per la notte di Halloween. Intagliare le zucche, producendo le forme più strane o terrificanti, è un hobby che attira moltissime persone; in questo modo, si unisce la tradizione con la creatività, con uno spettacolo finale davvero senza eguali.





Streghe, orchi, fantasmi e vampiri: tu come ti travestirai quest’anno?
E come festeggerai Halloween?
Raccontaci la tua festa!


Niciarelli BeatriceIl mio sito -

cosa ne pensi?